CDNs as Code

Per il mese di marzo abbiamo preparato per voi un altro evento coi fiocchi! Questa volta ci vedremo di giovedì, ma questo cambio di programma varrà assolutamente la pena…

Ci ospita niente poco di meno che Google, nella sua centralissima sede a fianco al Bosco Verticale! Per questa serata abbiamo invitato un’altra vecchia conoscenza dell’ambiente PHP milanese, Giorgio Sironi, che ci parlerà di come integrare al meglio le CDN nelle nostre applicazioni.

Questa volta dovremo accedere con dei pass, quindi potete presentarvi a partire dalle 19:15, poi il talk inizierà come sempre alle 19:30!

Ecco l’abstract del suo talk:

I Content Delivery Networks come Fastly, Google Cloud Platform partner, migliorano la performance delle applicazioni tramite l’uso di cache di pagine e assets distribuiti su server in tutto il mondo.

I CDN sembrano un layer trasparente ma possono diventare molto complessi: necessitano comunque di essere inclusi negli sforzi di Infrastructure as Code così da avere gli stessi vantaggi di visibilità, code review e riproducibilità della propria configurazione.

Parleremo di:

– una singola sorgente per la configurazione di CDN
– ambienti di test che sono davvero simili a quelli reali
– l’osservabilità dei log dei CDNs attraverso BigQuery
– il percorso dal commit di un cambiamento al vederlo in produzione

e cercheremo di evitare:

– punta-e-clicca su pannelli di configurazione
– configurazioni mai testate che arrivano in produzione
– che utenti reali vedano orribili pagine di errore nel proprio browser

Cool things with PHP

Per il mese di febbraio abbiamo un ospite speciale, ma al tempo stesso una vecchia conoscenza dell’ambiente PHP milanese: Gabriele Lana!

Eccovi l’abstract del suo talk:

Anche con PHP si possono fare cose fighe, cose fighe anche dal punto di vista degli snob dei linguaggi di programmazione come il sottoscritto. Durante la serata vi presenterò una carrellata di cose fatte negli ultimi anni che mi hanno fatto mantenere la voglia di lavorare con questo linguaggio di programmazione.

Come al solito, porte aperte alle 19 e si inizia alle 19:30.

Attenzione però, il numero di posti è limitato, perciò il RSVP richiederà (privatamente) nome e cognome per conferma: perciò, stavolta più che mai, fate RSVP sul nostro Meetup!

E2E testing con Jest e Puppeteer

E rieccoci, pronti e carichi dopo una scorpacciata di panettone, per il primo meetup PUG Milano del 2019!
Questo primo incontro dell’anno sarà su un’argomento che ci porterà un po’ lontano dalla nostra comfort zone di sviluppatori PHP…

Questa volta si parlerà di E2E testing (o UI testing) e si guarderanno alcuni esempi. Cercheremo di capire perché i test E2E sono importanti, quali sono i pro e i contro, le principali best practice e quando limitarsi ad usarli.

Questo talk è dedicato a chi non ha mai scritto test E2E o non ha mai automatizzato un browser headless (Puppeteer, Selenium ecc.). Le uniche competenze richieste sono la conoscenza delle Promise (e quindi di async/await) in JavaScript.

Ci guiderà in questo breve viaggio Stefano Magni, front-end developer di Conio. Che aspettate?

Come al solito, porte aperte alle 19, si inizia alle alle 19:30, e non dimenticatevi di fare RSVP!

Developer horror stories: WordPress + Laravel

Ed eccoci per l’ultimo meetup dell’anno, prima di una agognata vacanza natalizia!

Questa volta lo speaker della serata sarà Giorgio Grasso, che vorrà raccontarci le sue disavventure tra WordPress e Laravel. Questa volta ci ospita Musement! Come al solito, porte aperte alle 19, si inizia alle 19:30, fate RSVP e non mancate!

Abstract del talk:

Vi è mai capitato di lavorare per un cliente o un’azienda che tra le specifiche di un sito vi richieda l’uso di WordPress? A me si.
In questo meetup vi racconterò un’esperienza da incubo che forse ha un lieto fine e che, quello che può sembrare un esperimento mal riuscito del Dr. Frankenstein, in fin dei conti risolve alcune esigenze del mondo business e sviluppo al tempo stesso.
Vi racconterò le ragioni che mi hanno spinto ad usare WordPress e Laravel per lo stesso applicativo, i pro e i contro. Cercherò di mostrarvi come creare il vostro piccolo mostro fatto in casa e come tenerlo sotto controllo.

Lean Coffee di Novembre

Rieccoci di nuovo col formato del “Lean Coffee”: chiacchierata libera ed autogestita, così da poter affrontare i temi che più ci interessano, senza dover preparare un argomento preciso.

Come funziona un Lean Coffee?
Dopo essersi disposti in cerchio, ogni persona ha la libertà di proporre uno o più argomenti su dei post-it, che verranno raccolti e esposti agli occhi di tutti. Si passa quindi alle votazioni, e vengono scelti per alzata di mano uno o più argomenti da trattare.

Chi ha proposto l’argomento più votato può esporre brevemente il perché della sua scelta, ed eventualmente avviare la discussione, ma non è obbligatorio: i temi scelti saranno discussi da chiunque voglia esprimere il proprio parere in merito.

E’ un formato leggero e piacevole, che riserva sempre sorprese; l’abbiamo già sperimentato con successo in passato, e ci andava di riproporlo anche questa volta, magari anche per approfittare e discutere delle ultime conferenze del momento, come il recente SymfonyDay.

Come al solito, porte aperte alle 19, si comincia alle 19:30, fate RSVP e non mancate!

PS: è ancora aperta la nostra call for talks!